“Ma mère l’Oye” e le disavventure del Canone musicale

Maurizio Giani

Abstract


Il saggio presenta e discute una serie di prese di posizione sul Canone musicale occidentale, scelte tra le più rappresentative degli orientamenti in materia reperibili sul web, con attenzione quasi esclusiva sui siti italiani, dalle voci di Wikipedia a forum di vario genere. È stato intenzionalmente dato spazio anche a formulazioni di modesta levatura culturale e intellettuale per il loro valore documentario, dal momento che registrano opinioni ampiamente condivise e caratterizzano atteggiamenti concreti, testimonianza efficace della gravità della situazione attuale. Uno degli aspetti preoccupanti di questo censimento di valutazioni perlopiù negative sta nella presenza, tra le file dei critici beceri del Canone musicale, anche di apprezzati musicologi, che sembrano appoggiare con entusiasmo il primitivismo di molte critiche giovanili alla “roba classica” mimandone il gergo e l’ostilità verso la cultura: forse con l’intenzione di conquistarsi le simpatie dei loro interlocutori, non è ben chiaro se  per promuovere, dopo aver perseguito una tattica “entrista”, una strategia di interventi mirati in sede pedagogica (una sorta di aggiornamento dell’oraziano castigare ridendo mores) ovvero, come appare più probabile, per correre in soccorso dei vincitori.

Parole chiave


canone musicale; pedagogia; musica colta; primitivismo

Full Text

PDF (Italiano)


DOI: 10.6092/issn.2039-9715/4013

Copyright (c) 2013 Maurizio Giani

Creative Commons License
Quest'opera è rilasciata con una licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported.